logo
Ogni giorno al fianco di 1.800.000 Donne

Frasi sul ballo

Ci sono 10 contenuti per questo argomento
Fin da ragazzo ho amato le distanze e la solitudine. Uscire dalle porte del mio paese e guardarlo dal di fuori, come qualche cosa di perduto, era uno dei miei più abituali diletti. Piacere e terrore mi portavano in certi luoghi romiti, sacri alla morte, a cui però non pensavo se non per quel tanto che m'impediva d'inoltrarmi troppo in un così pauroso reame. Uscito da Porta Clementina, dove comincia la via del cimitero e delle tombe etrusche, la mia evasione, di solito, s'arrestava pochi passi più in là. Di rado mi spingevo fino a quella strana, disabitatissima villa, chiamata Villa Tarantola, che vede già il camposanto ed era allora per me un sito misterioso, enigmatico, evocante, nel suo nome, i velenosi ragni che danno il ballo di San Vito.
#Frasi sul ballo#Frasi sull'evasione
Nelle sale da ballo negli anni '60 c’era un’atmosfera di curiosità quando arrivava un artista, perché un tempo i cantanti non si vedevano in televisione. Li si sentiva in radio, o nei jukebox, quindi vederli era sempre un evento. Oggi c’è una certa inflazione dell’immagine, quindi manca la sorpresa, la curiosità, se non per le grandissime vedette. Per i cantanti normali, che fanno musica con serietà ma che non riescono a fare 50.000 persone in uno stadio, non c’è più quella morbosità che invece un tempo era riservata a tutti i cantanti.
#Frasi sul ballo#Frasi sulla serietà#Frasi sulla sorpresa
Un maestro di ballo deve unire una perfetta conoscenza dell’arte della danza e della pantomima con quella della musica e del disegno. Sarebbe di guadagno per lui anche lo studio della letteratura e la lettura dei grandi autori. Deve avere buona conoscenza delle diverse arti meccaniche ed anche della geometria. Una buona esperienza in matematica permette chiarezza di pensiero ed esattezza di esecuzione.
#Frasi sui disegni#Frasi sul ballo#Frasi sulla chiarezza#Frasi sulla letteratura#Frasi sulla lettura#Frasi sulla matematica