logo
Ogni giorno al fianco di 1.800.000 Donne

Frasi sul sanguinare

Ci sono 32 contenuti per questo argomento
La donna ora è perfettaIl suo corpomorto ha il sorriso della compiutezza,l'illusione di una necessità grecafluisce nei volumi della sua toga,i suoi piedinudi sembrano dire:Siamo arrivati fin qui, è finita.I bambini morti si sono acciambellati,ciascuno, bianco serpente,presso la sua piccola brocca di latte, ora vuota.Lei li ha raccoltidi nuovo nel suo corpo come i petalidi una rosa si chiudono quando il giardinos'irrigidisce e sanguinano i profumidalle dolci gole profonde del fiore notturno.La luna, spettatrice nel suo cappuccio d'osso,non ha motivo di essere triste.È abituata a queste cose.I suoi neri crepitano e tirano.
#Frasi sui serpenti#Frasi sul latte#Frasi sul sanguinare#Frasi sulla donna
"Aye!" grida. "Aye, molto bene. Voi del castello, a me! Pistoleri, a me! A me, vi dico!""Quanto ai pistoleri, Roland", gli risponde Cuthbert, "io sono già qui. E noi due siamo gli ultimi." Roland lo guarda, poi lo abbraccia sotto il cielo feroce. Sente ardere il corpo di Cuthbert, sente la sua tremante magrezza suicida. Eppure ride ancora. Bert sta ancora ridendo. "Va bene", dice Roland con la voce roca, guardando lo sparuto drappello dei compagni. "Ci lanceremo all'attacco. Senza quartiere." "Sì, senza quartiere, assolutamente!" ribadisce Cuthbert. "Non accetteremo la resa se ce la offriranno." "In nessun caso!" gli fa eco Cuthbert ridendo più forte che mai. "Dovessero gettare le armi anche tutti i duemila." "Allora suona quel cazzo di corno." Cuthbert alza il corno alle labrba insanguinate e soffia uno squillo possente... l'ultimo squillo, perché quando un minuto dopo (o forse sono cinque, o dieci, il tempo non ha senso in questa battaglia finale) cadrà dalle sue dita, Roland lo lascerà nella polvere. Lo strazio e la sete di sangue gli faranno dimenticare il Corno dell'Eld. "E ora, amici miei... hile!" "Hile!" grida l'ultima dozzina sotto quel sole scorticante. È la loro fine, la fine di Gilead, la fine di tutto, e Roland non ha più niente da perdere. L'antica furia rossa, folle e feroce, gli avvolge la mente, soffoca tutti i pensieri. Un'ultima volta, allora, pensa. Che così sia. "A me!" grida Roland di Gilead. "Avanti! Per la Torre!" "La Torre!" grida accanto a lui Cuthbert, vacillando. Leva verso il cielo il Corno di Eld in una mano, la rivoltella nell'altra. "Niente prigionieri!" urla Roland. "NIENTE PRIGIONIERI!"
#Frasi sul sanguinare#Frasi sul suicidio