logo
Ogni giorno al fianco di 1.800.000 Donne

Publio Virgilio Marone

Ciò che più pingui e floride le messi | Renda, e in quale stagion romper la terra, | E a l'olmo giovi maritar la vite; | Qual cura aver de' buoi, qual de la greggia | Debbasi, e quanta esperienza ed arte | Chieggian l'api frugali, augusta Bice, | Io qui prendo a cantar. O voi, del mondo | Astri lucenti, che il volubil anno | Guidate in cielo con alterno giro, | Voi Bacco, ed alma Cerere, per cui | Cangiò la terra le Caonie ghiande | In pingui spiche, e d'Acheloo le tazze | Empì de l'uve il nettare scoperto, | Voi, de' coloni tutelari numi, | Driadi e Fauni or qua volgete il piede, | Ch'io canto i vostri doni.
#Frasi sui doni
Di Publio Virgilio Marone
L'armi canto e 'l valor del grand'eroe | che pria da Troia, per destino, a i liti | d'Italia e di Lavinio errando venne; | e quanto errò, quanto sofferse, in quanti | e di terra e di mar perigli incorse, | come il traea l'isuperabil forza | del cielo, e di Giunon l'ira tenace; | e con che dura e sanguinosa guerra | fondò la sua cittade, e gli suoi dei | ripose in Lazio: onde cotanto crebbe | il nome de' Latini, il regno d'Alba, | e le mura e l'imperio alto di Roma.
#Frasi sulla tenacia
Di Publio Virgilio Marone