logo
Ogni giorno al fianco di 1.800.000 Donne

Maurice Maeterlinck

O palombaro per sempre sotto la sua campana!Tutto un mare di vetro eternamente caldo!Tutta una vita immobile dai lenti pendoli verdi!E tanti esseri strani attraverso le pareti!E ogni contatto per sempre vietato!Mentre c'è tanta vita nell'acqua chiara di fuori!Attenzione! L'ombra dei grandi velieri passa sulle dalie delle foreste sottomarine;E io sono per un attimo all'ombra delle balene che migrano verso il polo!In questo momento, gli altri scaricano, forse, vascelli pieni di neve nel porto!C'era ancora un ghiacciaio in mezzo alle praterie di Luglio!Nuotano all'indietro nell'acqua verde dell'ansa!Entrano a mezzogiorno in grotte oscure!E le brezze del largo ventilano le terrazze!Attenzione! Ecco le lingue di fiamma del Gulf-Stream!Allontanate i loro baci dalle pareti della noia!Non hanno più messo neve sulla fronte dei febbricitanti;I malati hanno acceso un fuoco di gioia,E gettano a piene mani i gigli verdi nelle fiamme!Appoggiate la vostra fronte alle pareti meno calde,Aspettando la luna al vertice della campana,E chiudete bene i vostri occhi alle foreste di pendoli blu e di albumine violette, restando sordi alle suggestioni dell'acqua tiepida.Asciugate i vostri desideri deboli di sudore;Per prima cosa andate da quelli che stanno per svenire:Hanno l'aria di celebrare una festa nuziale in una cava;Hanno l'aria di sotterrare a mezzogiorno, in un corridoio rischiarato da lampade in fondo a un sotterraneo;Attraversano, in corteo di festa, un paesaggio simile ad un'infanzia d'orfano.Andate poi da quelli che stanno per morire.Arrivano come vergini che hanno fatto una lunga passeggiata al sole, un giorno di digiuno;Sono pallidi come malati che ascoltano piovere placidamente sui giardini dell'ospedale;Hanno l'aspetto di sopravvissuti che pranzano sul campo di battaglia.Sono simili a prigionieri che non ignorano che tutte le sentinelle si bagnano nel fiume,E che ascoltano falciare l'erba nel giardino della prigione.
#Frasi sugli ospedali#Frasi sui paesaggi#Frasi sul blu#Frasi sul nuoto#Frasi sul pranzo#Frasi sul sudore#Frasi sulle campane#Frasi sulle foreste
Di Maurice Maeterlinck
Si contano da milleduecento a millecinquecento specie di tèrmiti. Le più conosciute sono il Termes Bellicosus, che edifica imponenti monticelli, il Nemorosus, il Lucifugus, che ha fatto un'apparizione in Europa, l' Incertus, il Vulgaris, il Coptotermes, il Bornensise il Mangensis, che hanno dei soldati a siringa, il Rhinotermes, il Termes Planus, il Tenuis, il Malayanus, il Viator, una delle pochissime tèrmiti che vivono qualche volta allo scoperto e traversano le giungle, in lunghe file, con i soldati che inquadrano gli operai-facchini, il Termes Longipes, il Foraminifer, il Sulphureus, il Gestroi, che attacca di proposito gli alberi vivi e i cui guerrieri sono feroci, il Termes Carbonarius, i cui soldati ritmano in una maniera particolarissima il martellamento misterioso sul quale ritorneremo, il Termes Latericus, il Dives, il Gilvus, l' Azarelllii, il Transluces, lo Speciosus, il Comis, il Laticornis, il Bervicornis, il Regulapennis, l' Atripennis, l' Ovipennis, il Regularis, l' Inanis, il Latifrons, il Filicornis, il Sordidus che abitano nell'isola di Borneo, il Laborator della Malacca, il Capritermes, le cui mandibole, fatte a corna di caprone, scattano come molle e proiettano l'insetto a venti o trenta centimetri di distanza, il Termopsis, il Calotermes, che sono le più arretrate; e centinaia d'altre la cui enumerazione sarebbe fastidiosa.
#Frasi sugli insetti#Frasi sui martelli#Frasi sulla giungla
Di Maurice Maeterlinck