logo
Ogni giorno al fianco di 1.800.000 Donne

Angelo Poliziano

Io mi fo a scrivere brevemente la congiura de' Pazzi; perocché questa sopra ogni altro memorando fatto a tempo mio intervenne, e poco stette che non rovinasse al tutto la repubblica fiorentina. Lo stato adunque della città era, che tutti i buoni si tenean per Lerenzo e Giuliano fratelli, e per tutti gli altri di casa Medici; sola la famiglia de' Pazzi, ed alcuni de' Salviati, a contrastare il presente reggimento in prima celatamente, di poi alla scoperta cominciarono. Dappoiché a' Medici portavano invidia, il cui privato decoro e somma autorità nella repubblica, per quanto era lor dato, svilivano.
#Frasi sul presente#Frasi sulle scoperte
Mercurio: annunziatore della festa | Silenzio. Udite. È fu già un pastore | Figluol d'Apollo, chiamato Aristeo. | Costui amò con sì sfrenato ardore | Euridice, che moglie fu di Orfeo, | che sequendola un giorno per amore | fu cagion del suo caso acerbo e reo: | perché, fuggendo lei vicina all'acque, | una biscia la punse; e morta giacque. | Orfeo cantando all'Inferno la tolse, | ma non poté servar la legge data, | ché 'l poverel tra via drieto si volse | sì che di nuovo ella gli fu rubata: | però ma' più amar donna non volse, | e dalle donne gli fu morte data. | Seguita un pastore schiavone | State tenta, bragata! Bono argurio, | ché di cievol in terra vien Marcurio.
#Frasi sulle mogli
Di Angelo Poliziano