logo
Citazione: Tommaso d’Aquino, commentando Paolo di Tarso, dice che la fede, a differ…

Frase di Umberto Galimberti

Tommaso d’Aquino, commentando Paolo di Tarso, dice che la fede, a differenza della scienza espressa dalla ragione umana conduce in captivitatem omnem intellectum, cioè rende l’intelletto prigioniero di un contenuto che non è evidente, e che quindi gli è estraneo (alienus), sicché l’intelletto è inquieto (nondum est quietatus) di fronte alla scienza, nei cui confronti si sente “in infirmitate et timore et tremore multo”. Dov’è finita questa prudenza tomista che non concede di identificare immediatamente la fede con la verità? E se i cattolici sono già in possesso della verità che senso ha per loro studiare e insegnare filosofia se la verità che la filosofia si propone di cercare già la possiedono? Cosa rispondono ad Heidegger là dove scrive che quando la filosofia è accompagnata da un aggettivo, come è il caso di una “filosofia cristiana” ci si trova di fronte a un circolo quadrato o, come vuole l’espressione di Heidegger a un “ferro ligneo”? E infine che tipo di dialogo è possibile con un cristiano, se questi è già convinto di possedere la verità?

#Frasi sugli estranei#Frasi sui cattolici#Frasi sull'intelletto#Frasi sulla prudenza#Frasi sulla scienza